Vecchia Liuteria Goriziana - Ancient Luthier's craft in Gorizia - 1939

Promo
Previous
Next

Vecchia Liuteria Goriziana - Ancient Luthier's craft in Gorizia - 1939

Categoria Liuteria
11,00 €
5,00 € Risparmia 6,00 €

Autore: Mario Ranieri Cossàr

Casa Editrice: Cremonabooks

Testo: Italiano e Inglese

Pagine: 34

Antonio Pelizon (Castel Rubbia, 28 gennaio 1763 – Gorizia, 27 ottobre 1850) è stato un liutaio italiano, caposcuola della liuteria goriziana. Nacque a Castel Rubbia, in provincia di Gorizia (parte dell'Impero Asburgico, regnante Maria Teresa d'Asburgo) nel 1763. Anni dopo si stabilì nel capoluogo, dove si sposò e iniziò a riparare alcuni strumenti musicali. Gorizia allora contava poco più di 5000 abitanti, ma l'attività musicale era assai fiorente ed esisteva una "Scuola dei maestri falegnami". I suoi violini, secondo alcuni, si ispiravano ai modelli di Amati eStradivari, secondo altri alla scuola napoletana di Gennaro Gagliano, egli tuttavia seppe dedurre dai diversi strumenti un modello con personalità e carattere propri. Ebbe tre figli dalla prima moglie e ben 17 dalla seconda. Quattro di essi si dedicarono all'attività paterna: Giuseppe, Antonio II, Carlo e Filippo, ma non raggiunsero nella costruzione dei loro violini la qualità del padre. Nei musei di Gorizia sono conservati due suoi violini.

Categoria Liuteria In magazzino 295 Articoli
0/5
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Antonio Pelizon (Castel Rubbia, 28 gennaio 1763 – Gorizia, 27 ottobre 1850) è stato un liutaio italiano, caposcuola della liuteria goriziana. Nacque a Castel Rubbia, in provincia di Gorizia (parte dell'Impero Asburgico, regnante Maria Teresa d'Asburgo) nel 1763. Anni dopo si stabilì nel capoluogo, dove si sposò e iniziò a riparare alcuni strumenti musicali. Gorizia allora contava poco più di 5000 abitanti, ma l'attività musicale era assai fiorente ed esisteva una "Scuola dei maestri falegnami". I suoi violini, secondo alcuni, si ispiravano ai modelli di Amati eStradivari, secondo altri alla scuola napoletana di Gennaro Gagliano, egli tuttavia seppe dedurre dai diversi strumenti un modello con personalità e carattere propri. Ebbe tre figli dalla prima moglie e ben 17 dalla seconda. Quattro di essi si dedicarono all'attività paterna: Giuseppe, Antonio II, Carlo e Filippo, ma non raggiunsero nella costruzione dei loro violini la qualità del padre. Nei musei di Gorizia sono conservati due suoi violini.

Categoria Liuteria In magazzino 295 Articoli
0/5
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Prodotti correlati