Storia dell' Accademia Filarmonica Romana 1821 - 2021

Previous
Next

Storia dell' Accademia Filarmonica Romana 1821 - 2021

Categoria Shop
40,00 €

Autori: Arrigo Quattrocchi, Sandro Capelletto e Matteo D'Amico

Casa Editrice: Libreria Musicale Italiana

Pagine: 487

Testo: Italiano

Un grande affresco storico, o, più semplicemente, un insostituibile spaccato della vita - non solo musicale di Roma e dell' Italia. Passata attraverso lunghe e complesse vicende storiche, l'Accademia Filarmonica Romana è giunta a compiere duecento anni.

Sorta per iniziativa di un gruppo di nobili dilettanti, la Filarmonica si è guadagnata spazio nella città del Papa Re, grazie sopratutto all'esecuzione di opere in forma di concerto, sottratte alla caotica e censurata vita dei teatri romani: molti lavori di Rossini, Donizetti, Verdi sono approdati così a Roma.Nel corso degli anni, è divenuto centrale l'interesse verso la musica strumentale, mentre è tramontata l'epoca dei dilettanti e si è imposta la figura del musicista professionista. 

Dopo aver inaugurato precocemente, ancora nel diciannovesimo secolo, l'era dei direttori artistici con Giovanni Sgambati, la Filarmonica nel Novecento ha scelto alla sua guida, da Alfredo Casella in poi, figure ben note della musica italiana, da Gofredo Petrassi a Luciano Berio, da Massimo Bogianckino a esecutori in campo internazionale, mantenendo la sua vocazione originaria al sostegno e alla diffusione delle proposte artistiche più nuove, in un costante, vitale rapporto con la società civile.

Categoria Shop In magazzino 1 Articolo
0/5
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Un grande affresco storico, o, più semplicemente, un insostituibile spaccato della vita - non solo musicale di Roma e dell' Italia. Passata attraverso lunghe e complesse vicende storiche, l'Accademia Filarmonica Romana è giunta a compiere duecento anni.

Sorta per iniziativa di un gruppo di nobili dilettanti, la Filarmonica si è guadagnata spazio nella città del Papa Re, grazie sopratutto all'esecuzione di opere in forma di concerto, sottratte alla caotica e censurata vita dei teatri romani: molti lavori di Rossini, Donizetti, Verdi sono approdati così a Roma.Nel corso degli anni, è divenuto centrale l'interesse verso la musica strumentale, mentre è tramontata l'epoca dei dilettanti e si è imposta la figura del musicista professionista. 

Dopo aver inaugurato precocemente, ancora nel diciannovesimo secolo, l'era dei direttori artistici con Giovanni Sgambati, la Filarmonica nel Novecento ha scelto alla sua guida, da Alfredo Casella in poi, figure ben note della musica italiana, da Gofredo Petrassi a Luciano Berio, da Massimo Bogianckino a esecutori in campo internazionale, mantenendo la sua vocazione originaria al sostegno e alla diffusione delle proposte artistiche più nuove, in un costante, vitale rapporto con la società civile.

Categoria Shop In magazzino 1 Articolo
0/5
Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Prodotti correlati